Biodanza per Donne - Biodanza Venezia e Provincia - Treviso

Vai ai contenuti

Biodanza per Donne

PROGETTI


Biodanza ed Integrazione del Femminile



Nel corso della storia dell’umanità, risulta evidente che le realizzazioni femminili in tutti i campi politico, artistico, filosofico, ecc., sono state numericamente e qualitativamente di molto inferiori a quelle degli uomini. Perché? Parchè i ruoli femminili sono stati svalutati e limitati: si pensi per esempio che nell'Europa dell'800 alle donne erano negati il diritto di voto, il diritto di istruzione, non venivano retribuite come gli uomini e venivano negate le possibilità di carriera. Solo con gli anni Sessanta si andò progressivamente affermando il principio della parità dei sessi in senso socio-culturale. Attualmente in diversi paesi del mondo le donne vivono ancora oggi una condizione di inferiorità rispetto all’uomo e nella nostra cultura altamente civilizzata (o presunta tale), in una società dominata dalla "mentalità tecnologica", la donna sta riuscendo, a volte tra forti resistenze, a conquistarsi sempre nuovi spazi vitali, sopratutto in un mondo del lavoro decisamente competitivo; e tutto questo continuando ad assolvere regolarmente le "tradizionali" incombenze familiari.

Alla donna non è stato riconosciuto di soddisfare il bisogno fondamentale di crescita e di realizzazione delle proprie potenzialità.    

Per vivere in salute e ritrovare il piacere nella vita la donna ha bisogno di essere se stessa e di riscoprire il proprio valore.


Se la donna riesce ad esprimere quello che sente attraverso la creatività anche la sua vita sarà più armoniosa. Quando, invece, non riesce a realizzare quello che sente c’è una sofferenza interna che si manifesta con insicurezza e meccanicità.
Si diventa metodiche, senza iniziative, e si perde l’entusiasmo nella vita usando modelli già stabiliti dalla società e lontani dal proprio essere.
Vivere è creare. La creatività non è riservata solo per persone speciali appartiene a tutti ; è più un modo di affrontare la vita. La creatività si manifesta in tante forme, possiamo essere creative in qualsiasi cosa facciamo.
“La creatività è l’espressione più profonda della nostra libertà interiore”.



Progetto di Biodanza ed Integrazione del Femminile
per il Comitato Donne di Marghera-Catene



"Ogni donna ha in se la capacità di creare"

Il Progetto prevede 12 incontri che si configurano come uno spazio condiviso di riflessione, cultura e vivencia del femminile.

Ci incontriamo per sviluppare temi e percorsi specifici capaci di metterci in contatto con gli aspetti più luminosi che rinforzano l'Identità femminile. Potremo accoglierci, condividere e sentirci a nostro agio perché questo percorso di autoconoscenza ed espressione di sé, attraverso il metodo di integrazione e crescita personale della Biodanza Sistema Rolando Toro, avviene tra persone simili, in un ambiente protetto, affettivo e senza giudizio.

Partendo dal concetto che la danza stessa è espressione organica della luce interore che il nostro corpo emana, torneremo a quelle leggi naturali di spontaneità e naturalità che da sempre abitano nella donna. Il nostro cerchio diverrà, così come nell'antichità, un cerchio sacro di celebrazione  della Vita e dei suoi cicli fecondi che in un lontano passato venivano attribuiti alla Grande Dea o Terra Madre, e a tutte le donne creatrici di Vita e dispensatrici di nutrimento.  

Le donne nelle antiche danze respiravano il respiro della Natura, con cui si immedesimavano, e la loro danza era una celebrazione corale che ispirava gioia, tenerezza, forza e tensione verso l'Alto.
Insieme torneremo a risvegliare antichi ritmi sopiti nel nostro corpo e a risentirci più che mai connesse alla Vita e alle sue leggi di creazione e conservazione.


Biodanza ed integrazione del femminile è un percorso di crescita teorico-esperienziale sul femminile, alla scoperta delle dee che, come energie archetipiche, influenzano la nostra espressione nel mondo e la qualità delle nostre relazioni.


Il percorso è aperto a tutte le donne di qualunque età che hanno voglia di sperimentarsi e di conoscersi un po' di più.

Un invito a partecipare nel cerchio delle donne dove riconoscerci e scoprire le nostre capacità creative innate.

Attraverso la Biodanza e l'uso degli archetipi contatteremo la forza creativa che offre ad ogni donna la capacità di portare alla luce l'”immanifesto”.
L’energia creativa forma un ponte tra il mondo tangibile e quello non tangibile e trova espressione attraverso il corpo, l’intelletto, le emozioni, le intuizioni e il subconscio.

Il cerchio delle donne è “familiarmente” definito Casa delle Donne, perché proprio come una casa, rappresenta uno spazio caratterizzato da un livello elevato di accoglienza e comprensione, dove potersi sentire a proprio agio, tra persone simili, in un percorso di autoconoscenza.


La
Casa delle Donne è uno spazio di Riflessione, Cultura e Vivencia del Femminile, dove ci incontriamo sviluppando temi e percorsi specifici capaci di metterci in contatto con gli aspetti più luminosi che rinforzano l’identità femminile e accettare con maggior apertura la mascolinità.

Viviamo in una Società in cui la maggior parte degli aspetti del Femminile vengono sminuiti, invece di essere considerati dei Valori, delle preziose risorse a cui attingere.
Non è un confronto oppure un isolarsi tra Donne e Uomini, bensì si tratta di riconoscere e dare il giusto valore agli aspetti Femminili: la cura, la sensibilità, l’attenzione verso la Vita, la solidarietà, la dolcezza, l’intuizione, la comprensione, l’empatia, l’istinto e la libertà, la saggezza, l’auto accettazione, l’ascolto, l’armonia, la seduzione, l’amore, l’unione, ecc.

Le Donne si sono “adattate” ed “impoverite” riferendosi sempre più a valori maschili. Hanno smesso di ascoltare sé stesse, considerando l’aspetto femminile una debolezza, non una forza ed una preziosa peculiarità.

L’intento della Biodanza è di attingere all’essenza profonda del nostro essere Donna, ripristinando i Valori su menzionati.

Il Principio Femminile si associa al Principio Biocentrico della Biodanza (che ripone “la Vita al centro della Vita”), perché ha come riferimento immediato la Vita, e si ispira alle leggi universali che conservano i sistemi viventi, e ne rendono possibile la loro continua evoluzione.


Operatore di Biodanza : Michela Busatto
mikybiodanza@gmail.com      Michela  334-1946762


Torna ai contenuti